Spoleto 24/02/2118

Spoleto_24_02_2018_Jacopo_Marocco_racconto

Il presidente della Pro Loco di Malfondo, Malcom Spinelli, parcheggia la propria Tesla nel posto riservato agli amministratori locali nei parcheggi pubblici. Anche se si va affievolendo, ogni volta che lo fa, Spinelli sente un leggero brivido partirgli dalla nuca fino ad arrivare al nervo pudendo: è la sensazione di essere un privilegiato a dargli quel leggero brivido. Spoleto è ormai un Continua a leggere

Annunci

Il peso dell’anima di un nano da giardino

illustrazione-duccio-brunetti-per-racconto-jacopo-marocco
Illustrazione di Duccio Brunetti

Mentre Debora non fa che chiedermi scusa, io non faccio che chiedermi perché mi sono lasciato coinvolgere in questa enorme cazzata. Poi, tra il dolore della ferita, uno sconosciuto dall’aspetto poco sano che mi sta medicando e la riproduzione in gesso di Pisolo che mi fissa, mi rispondo che, forse, l’ho fatto perché avevo bevuto. Continua a leggere

Il mio cane non ha mai capito un cazzo

EXIT_LOVE_FIRENZE_IL_MIO_CANE_NON_HA_MAI_CAPITO_UN_CAZZO_JACOPO_MAROCCO

EXIT_LOVE_FIRENZE_IL_MIO_CANE_NON_HA_MAI_CAPITO_UN_CAZZO_JACOPO_MAROCCO

“alla fine cosa avremmo da dirci
se anche da estranei siamo comunque meglio dei nostri amici”
Ti augurerei il male – L’orso

Mio fratello non sta bene. Non sta bene per niente. Mia madre è una vita che dice che gli manca qualche rotella. Non lo so. Quello che so è che è pieno di fisse, da sempre.
Da piccolo non mangiava nei piatti, metteva il cibo direttamente sul tavolo e mangiava lì. Poi aveva un amico immaginario di nome Bob che, stando a quello che diceva lui, aveva sui quarant’anni, i capelli lunghi e grigi e viveva nei boschi. Poi c’è stata la fase in cui si faceva i tagli sulle braccia, quella in cui non dormiva perché era convinto che qualcuno, nel sonno, lo avrebbe soffocato. Quella delle scie chimiche. E tante altre fasi di follia.
L’ultima è quella degli alieni. Sono giorni ormai che non fa che ripetere a tutti: “Loro stanno arrivando. Sei pronto?”. E per “Loro”, ovviamente, intende Continua a leggere

Una fottuta e parzialmente spiegabile voglia di noci

Una fottuta e parzialmente spiegabile voglia di noci

Una fottuta e parzialmente spiegabile voglia di noci_raccontoLa ragazza sta con le sue due amiche seduta sui divanetti del locale. C’è un gruppo sul palco, è la prima band di un contest cui partecipano altri gruppi locali. Il cantante di questa band scimmiotta qualche cantante famoso, però alla ragazza non viene in mente chi. E’ pieno di sé il cantante, davvero troppo. Ci crede tantissimo, quel tantissimo che poi storpia.

La ragazza sta tra le sue due amiche. Sta nel mezzo. Sta bevendo una birra media alla spina. E’ leggermente brilla, perché quella è la seconda doppio malto che si beve. E lei in pratica è Continua a leggere

Aromatizzato alla mela

aromatizzato alla mela_racconto

aromatizzato alla mela_raccontoStasera nel salotto di Quantix parlano di sesso dopo gli ottanta anni.
Adoro questo talk show. Adoro tutto questo parlarsi addosso senza dirsi nulla, senza arrivare a nulla.
Il presentatore chiede ad un dottore tutti i tipi di rimedi che ci sono per avere un’erezione durante la terza età. E il dottore li elenca.

Sembra che adesso vada per la maggiore una protesi idraulica che ti impiantano nel pene, e che ti permette di gonfiarlo quando ti pare. Ti fuoriesce dall’inguine, o comunque da quelle parti lì, una pompetta a mano simile a quella dell’apparecchio per misurare la pressione. Solo un po’ più piccola. Più discreta. Premi questa pompetta e il tuo cazzo si gonfia. E si sgonfia quando lo decidi tu. Erezioni quasi perpetue, e senza le controindicazioni che danno farmaci vasodilatatori o iniezioni di papaverina sul glande, dice il dottore.
In studio c’è  Continua a leggere

The Pupa

The Pupa

1.
My wife is a damned workaholic.
Of course she had not always been like this. She was a tranquil and well balanced person until about a year ago. She had always been very studious before and then she became very hardworking, but in any case she had always managed to respect the borders between private life and professional life. However since we have received the results of certain tests, everything changed. Those borders have been once and for all crushed and now, my wife lives for her work. Continua a leggere

L’amore è quella cosa che

i treni a vapore - magritteLa presentazione del libro era alle diciotto, in libreria. E dalle quattordici non avevo fatto che bere. Alle diciassette avevo già vomitato. Purtroppo, contrariamente a quanto mi succedeva da ragazzo, quando mi bastava dare di stomaco per riprendermi, ora l’effetto dell’alcool non passava affatto. Ma non era un problema, anzi, stavo bene così. Mi ero svuotato dentro diverse doppio malto e qualche Campari, proprio per non sentire l’ansia, e quell’appuntamento in libreria, di ansia addosso, me ne aveva messa.

Avrei dovuto presentare il libro in una delle ultime librerie rimaste in centro, quella che sarebbe sopravvissuta ancora qualche mese dopo l’apertura, cinquecento metri più in là, della Feltrinelli.
Mi aveva invitato la proprietaria della libreria, una signora sulla sessantina, dai capelli tendenti al grigio e un’aria che, un primo momento, mi aveva fatto pensare fosse Continua a leggere